Testata

ROSALIA BARBARO
Dott.ssa in Fisioterapia
Neuroriabilitazione e Posturologia
già operatore ASL 6 LIVORNO
Fisioterapista coordinatore - Abilitata alla didattica e alla riabilitazione neurocognitiva - Appartenente al gruppo neurocognitivo italiano e membro della scuola di riabilitazione neurocognitiva "Carlo Perfetti"

Ambulatorio
Via Roma, 51 - LIVORNO
Cell. 347 4829420- Tel. 0586 804277

Posturologia - Fisiokinesi - Neuroriabilitazione secondo il metodo neurocognitivo: Metodo Perfetti - Riabilitazione ortopedica - Riabilitazione neurortopedica

Esperta nel recupero funzionale e nella gestione dei deficit da infortunio stradale: Conseguenze fisiche, emotive e cognitive degli incidenti stradali, servizio di assistenza legale e risarcimento del danno

Presso lo Studio si tratta la patologia osteoporotica secondo i nuovi protocolli operativi/ospedalieri: "il ruolo dell'esercizio fisico" e la rieducazione della mano: "disfunzioni e disabilità"

L'esperienza nel settore di alta professionalità neuroriabilitativa consente l'inquadramento e la gestione nelle gravi patologie neurologiche acquisite per traumi cerebrali o patologie che determinano le gravi lesioni del sistema nervoso centrale.

Segreteria Scientifica Sig.ra Paola Audasso: 329 4235260
Per appuntamenti cure riabilitative Dr.ssa Rosalia Barbaro

Approfondimenti

1) Posturologia applicata

2) Rieducazione Posturale Globale (R.P.G.) Souchard come trattamento delle scoliosi giovanili e dell'adulto

3) Riabilitazione del paziente osteoporotico

4) Postura e rieducazione dell'articolazione temporomandibolare (A.T.M.)

5) Obesità e postura

6) Massoterapia applicata

7) Rieducazione Posturale Globale (R.P.G.) Souchard come trattamento e cura dei gravi traumatismi ortopedici e delle patologie neurologiche

8) Massoterapie e tecniche di rilassamento

9) Riabilitazione ortopedica e traumatologica

10) Riabilitazione agonistico-sportiva

11) Approccio clinico e riabilitativo nell'età geriatrica

12) Riabilitazione neurologica

13) Riabilitazione cardiologica

14) Riabilitazione respiratoria

15) Riabilitazione perineale e del pavimento pelvico

Per raggiungere gli approfondimenti desiderati fai riferimento ai numeri qui sopra!

1)  Posturologia applicata

Sport e Postura:

- Biomeccanica dell'apparato locomotore: le catene muscolari utilizzate nel gesto sportivo, sovraccarico funzionale nel gesto sportivo

- Approccio posturale alle patologie sportive: Pubalgia, Epicondilite, Tendinopatie inserzionali, Patologie femoro-rotulea, Sindrome da impingment della spalla etc...

- Rieducazione Posturale Globale -

Nel Mail di schiena e nelle Algie Vertebrali:

- Cervicalgia "dolore al collo"

- Dorsalgia "dolore alle spalle o alle scapole"

- Lombalgia "mal di vita"

________________________________________________________

Istruzioni sulla Postura

Ottenere una buona postura non è qualcosa di fine a se stesso, ma una buona parte del benessere generale.

Tutte le informazioni e la preparazione alla postura corretta, dovrebbero essere incluse anche in un valido programma di educazione sanitaria durante l'età evolutiva e l'attenzione andrebbe semplicemente rivolta ai difetti osservabili.

Le informazioni, rivolte naturalmente ai bambini, dovrebbero essere semplici e precise, ne troppo superficiali ne troppo pedanti, per conquistare e guadagnare l'interesse e la collaborazione del bambino.

Mentre la correzione dei difetti posturali richiede anche l'uso di particolari interventi terapeutici propriocettivi e ortesici, la prevenzione di tali difetti, dipende largamente dall'insegnamento di principi fondamentali per un allineamento corretto dell'apparato scheletrico confortato da muscoli e articolazioni.

La posturologia applicata si riferisce all'utenza in tutte le fasce d'età; nelle algie, nelle disarmonie scheletriche, nei traumatismi e risquote successo terapeutico grazie al supporto della propriocezione che ha valore informativo, di verifica, di controllo.

La Posturologia Applicata è un vero e proprio apprendimento.

2)  Rieducazione Posturale Globale (R.P.G.) Souchard come trattamento delle scoliosi giovanili e dell'adulto

Terapia: Kinesiterapia focalizzata sull'intera persona e rieducazione posturale (R.P.G.)

Trattamento ortesico

Autocorrezione (SEAS)

Rafforzamento muscolare in postura corretta

Sviluppo delle reazioni d'equilibrio

Integrazione neuromuscolare

Valorizzazione funzionale e sviluppo di un'immagine positiva del corpo


3)  Riabilitazione del paziente osteoporotico

L'intervento riabilitativo deve essere indirizzato a  Migliorare la qualità motoria tanto da ridurre la possibilità delle cadute durante la deambulazione e il rischio frattura

 Le fratture più comuni sono al femore, alle vertebre e al polso, ma anche all'omero.

Sta assumendo grande importanza l'esercizio fisico sia come misura preventiva o addirittura terapeutica per l'osso, sia come mezzo per ridurre il rischio di caduta, sia come recupero funzionale globale e riduzione dell' algia (dolore) osteoporotica

L'osteoporosi non riguarda soltanto la femmina ma anche il maschio

Terapia:

- Protocolli riabilitativi kinesiterapici personalizzati

- Rieducazione Posturale Globale (R.P.G.)

- Rinforzo muscolare

- Recupero dell'articolarità del rachide e delle appendici, nonchè dei distretti a rischio frattura

- Esercizi di equilibrio e prevenzione delle cadute (con particolar riguardo nell'anziano)

- Magnetoterapia e W.B.V. Whole Body Vibration

- Riorganizzazione dello schema del cammino e prevenzione delle cadute (con particolar riguardo nell'anziano)

- Trattamento ortesico

- Migliorare le abilità motorie globali e distrettuali per ridurre il dolore cronico

- Esercizi aerobici e respiratori per migliorare la funzionalità della cassa toracica, quindi la contrattilità dei muscoli paravertebrali dorsali e dei muscoli intercostali

- Protocollo riabilitativo specifico negli esiti di frattura vertebrale da osteoporosi

- Protocollo riabilitativo specifico negli esiti di frattura osteoporotica del femore


4)  Postura e rieducazione dell'articolazione temporomandibolare (A.T.M.)

- Aspetti clinici, definizione e classificazione

Oltre al sintomo del dolore, di frequente riscontro sono rumori articolari, quali clic e crepitio e limitazione e deviazione del tragitto di apertura della bocca (Okeson, 1997)

- Fisioterapia: trazione; massaggio; trattamento dell'ipomobilità; translazione anteriore; mobilizzazione in apertura (paz. seduto); mobilizzazione in laterotrusione e apertura (paz. supino); stretching accessorio del massetere; apertura con lingua sugli incisivi inferiori; trattamento dell'ipermobilità-instabilità; tecniche di rinforzo muscolare, esercizio di apertura con lingua sul palato; esercizio delle tre dita (paz. seduto).

Le suddette tecniche costituiscono anche effetto " antalgico ".


5)  Obesità e postura

Come postura si intende la posizione del corpo nello spazio e la relativa relazione tra i suoi segmenti corporei.

L'eccesso di peso "obesità" determina la disfunzione posturale. Abbiamo come causa effetto il rapporto tra peso corporeo e gravità, quindi anomalie posturali funzionali da "sovraccarico", anche in assenza di disarmonie scheletriche.

I fattori psicologici nella disfunzione posturale da obesità influenzano l' "io corporeo", dato che la postura grazie alla propriocezione è anche un mezzo per manifestare la consapevolezza che il soggetto ha del proprio corpo, in questo caso può essere l'espressione di una identità che non si accetta volentieri.

La postura può essere considerata una sorta di "carta d'identità" di ogni individuo estremamente unica e personale, che racconta chi sei e cosa hai fatto.

La Rieducazione Posturale Globale, seguita dal soggetto obeso con continuità, migliora la qualità motoria, articolare, riduce le algie da carico (dorsali, lombo-sacrali, del ginocchio e della caviglia) e sollecita ad un incremento di attività metabolica che può essere l'inizio di un percorso utile per abbattere peso e che indirizza ad una migliore qualità di vita, sia da un punto di vista fisioterapico che estetico.

Numero 20 sedute individuali più 10 di mantenimento che garantiscono anche perdita di massa grassa


6)  Massoterapia applicata

- Valutazione del paziente - Esame muscolare

- Esame del tessuto muscolare: Ispezione e palpazione

- Drenaggio linfatico manuale

- Tecnica di Cyriax

- Massaggio propriocettivo distrettuale

- Massaggio terapeutico da 30 min.

- Massaggio terapeutico da 50 min.

- Massaggio sportivo pre-post gara

- Riflessologia plantare


7)  Rieducazione Posturale Globale (R.P.G.) Souchard come trattamento e cura dei gravi traumatismi ortopedici e delle patologie neurologiche

- R.P.G. Distrettuale (Distretti compromessi)

- Propriocezione (Afferenze propriocettive settoriali e globali)

- Mobilizzazione passiva e senso di posizione

- Posizionamenti terapeutici propriocettivi


8)  Massoterapia e tecniche di rilassamento

" Non è lo stress che ci danneggia ma il modo sbagliato di affrontarlo "

L'ansia, la tensione eccessiva e protratta, gli stress ripetuti, l'atteggiamento negativo di chi ha paura e subisce il dolore, l'insoddisfazione della propria vita e del proprio lavoro, la depressione, la preoccupazione, lo scoraggiamento, la stanchezza (esaurimento muscolare), sono fattori di rischio importanti che possono non solo provocare l'insorgenza di:

-  Lombalgia o cervicalgia

Ma possono anche favorire una graduale compromissione funzionale della colonna vertebrale, determinando:

- Retrazioni muscolari

- Rigidità articolare

- Discopatia

- Spondiloartosi

La massoterapia prima e le tecniche di rilassamento dopo, rappresentano uno strumento elettivo per raggiungere la capacità di autogestione dell'ansia e dei disturbi sopra citati prima che questi diventino cronici, tali da determinare l'insorgenza di reali disarmonie e patologie (dolore cronico diffuso, dolore fantasma, dolore migrante del rachide e delle sue appendici).

 

Efficace l'azione della Back School  sul versante psicologico.

Educazione-Rieducazione respiratoria e tecniche di rilassamento nel soggetto sottoposto a stress ripetuti (ansia costante)

"L'aria pura è il primo alimento e il primo medicamento" (Ippocrate)

Quando la tensione si manifesta al livello dei muscoli e delle articolazioni:

- Mobilizzazione del rachide dorsale, delle spalle e allungamento dei muscoli pettorali

- Allungamento del musscolo ileopsoas

- Allungamento dei muscoli posteriori degli arti inferiori

- Mobilizzazione delle anche e allungamento dei muscoli adduttori della coscia

- Mobilizzazione delle caviglie in estensione

- Rilassamento del rachide lombare in flessione e in estensione

- Rilassamento del rachide lommbare in rotazione

- Rilassamento del rachide cervicale in flessione e in estensione

- Rilassamento del rachide cervicale in rotazione ( posizione orizzontale disteso)

Percorsi: n° 2 cicli di 8 sedute con 1 interruzione di 10 giorni e si rilascia all'utente una tabella di autotrattamento valida per 20 giorni, quindi controllo in ambulatorio.


9)  Riabilitazione ortopedica e traumatologica

- Whole Body Vibration WBV e Kinesiterapia

- Magnetoterapia, Microcorrenti intelligenti e Ultrasuonoterapia

 APPROCCIO CLINICO E RIABILITATIVO...

- alla scoliosi

- alla spondilosi e alla spondilolistesi

- alla cervicalgia

- alla patologia discale cervicale

- alla cervicalgia post-distorsiva "colpo di frusta cervicale (C.F.C.)"

- alla patologia della cuffia dei rotatori (patologie periarticolari e intrarticolari, funzionali e traumatiche

- alla sindrome da conflitto sub-acromiale e all'instabilità di spalla (periartite scapolo-omerale...artrosi acromion-claveare...temosinovite cronica del C.L.B. = capo lungo bicipitale...disfunzione del legamento gleno-omerale superiore e medio inferiore...)

- alle patologie della mano

- alla lombalgia

- alla patologia discale lombare

- alla stenosi vertebrale lombare

- alla patologia sacro-iliaca

- alla sindrome del piriforme

- alle patologie meniscali del ginocchio

- alle patologie dei legamenti crociati del ginocchio (crociato anteriore e posteriore)

- alle patologie del piede traumatiche - podomeccaniche -  delle malformazioni e delle alterazioni iatrogene del piede, specie nell'anziano

- alle lesioni muscolari "dalla kinesi alla terapia fisica, dalla terapia manuale all'esercizio terapeutico vibratorio (E.T.V.)"

- alle patologie degenerative degli arti

- alle patologie dell'apparato locomotore anche nello "sportivo"

- alle malattie reumatiche: ARTRITE REUMATOIDE, SINDROME FIBROMIALGICA, SPONDILITE ANCHILOSANTE  e MIOPATIE INFIAMMATORIE IDIOPATICHE


10)  Riabilitazione agonistico-sportiva

- Terapia fisica tradizionale - Rieducazione Posturale Globale (R.P.G.) Souchard

- Esercizi manuali

- Ginnastica passiva e attiva

- Massoterapia

- Massaggio propriocettivo

- Massaggi misti

- Idrokinesi

WBV  "Whole Body Vibration"

Un capitolo a parte per l'allenamento e la riabilitazione dell'atleta, lo dedichiamo all'applicazione dell'energia vibratoria nell'ambito sportivo -  WBV  "Whole Body Vibration"  - Il training vibratorio è in grado di incrementare la flessibilità in atleti professionisti, sia a breve sia a lungo termine (Nazarov, 1984). 

L'effetto dell'energia vibratoria sulla produzione di forza muscolare è duplice: stimoli di breve durata sono in grado di facilitare e stimolare la forza e la produzione di forza; stimoli di lunga durata migliorano la resistenza agli sforzi muscolari (Nazarov e Zilinky, 1984; Warman et al., 2002)

BENDAGGI

- Bendaggi funzionali

- Bendaggi pre-gara

- Taping

- Taping-neuromuscolare


11)  Approccio clinico e riabilitativo nell'età geriatrica

Ridurre il dolore con esercizi articolari che prevengono la rigidità e migliorano il tono muscolare con esercizi attivi e passivi.

- Riorganizzare lo schema del cammino per " prevenire le cadute dell'anziano".


12)  Riabilitazione neurologica

Esame obiettivo neurologico "Studio del Caso Clinico" sia delle funzioni neuromotorie che delle funzioni cognitive, postura e deambulazione.

Riprogrammazione delle strategie posturali e dello schema del passo.

Recupero funzionale secondo il metodo della facilitazione corticale Prof. Carlo Perfetti ( soggetto neuroleso "Stroke" - Ictus - T.i.a. )

Esercizi di 1° e di 2° grado, inibizione delle "sinergie patologiche", recupero articolare e stabilizzazione articolare.

Postura seduta - consolidamento dell'equilibrio, del controllo del busto e dell'azione motoria quale l'esercizio di "alzarsi e sedersi" in bio-feedback.

Postura statica e dinamica in posizione verticale - consolidamento dell'equilibrio ed evocazione delle risposte di "paracadute".

Schema del cammino - recupero funzionale.

In tutte le patologie vascolari, nel paziente con " Stroke", Ictus... T.i.a.

Trattamento riabilitativo a domicilio e ambulatoriale


13)  Riabilitazione cardiologica

Si tratta il soggetto affetto da:

cardiopatia ischemica congenita ambulatorialmente

- cardiopatia ischemica ambulatorialmente

- ipertensione ambulatorialmente

Fitness per il cardiopatico

Nei programmi di allenamento del soggetto cardiopatico, la fitness cardiorespiratoria va affiancata a una fitness muscolare. I requisiti fondamentali da rispettare per i soggetti da avviare a queste attività sono caratterizzati da carichi muscolari non elevati che prevedono uno sviluppo di forza sempre inferiore al 40-50% della massima contrazione volontaria con contemporaneo aumento della frequenza cardiaca infeeriore al 70% della massimale.

Un esercizio fisico regolarmente svolto è in grado di migliorare la totalità dei fattori di rischio cardiovascolari modificabili.

La prescrizione dell'esercizio fisico individuerà preventivamente la frequenza delle sedute, l'intensità, ovvero l'entità dell dispendio energetico e la durata delle singole sedute.


14)  Riabilitazione respiratoria

Le linee guida internazionali e nazionali sulla riabilitazione pneumologica, prevedono sempre come momento centrale la presenza di malattia bronchiale cronica - B.P.C.O. Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva - Enfisema.

La fisioterapia respiratoria è l'insieme di svariate tecniche (sperimentate e validate da linee guida riabilitative) atte a migliorare la funzione respiratoria e a prevenire le complicanze.

Dispnea e disabilità respiratoria in cardio-chirurgia protocollo fisioterapico nazionale trattamento riabilitativo ambulatoriale o domiciliare.

Dispnea e insufficienza respiratoria in postumi di resezione polmonare protocollo fisioterapico nazionale trattamento riabilitativo ambulatoriale o domiciliare.


15) Riabilitazione perineale e del pavimento pelvico

Su indirizzo dello specialista, come momento post-chirurgico, ma anche di prevenzione alle disfunzioni della donna e dell'uomo.


Share by: